NONWOVEN GEOTEXTILES

AEROPORTI

Geotessile non tessuto, composto da fibre di polipropilene, agugliato e/o termocaladrato, assolutamente esente da resine o collanti. Resistente ai raggi UV. E' compatibile con l'ambiente perché non inquina e non è tossico.
Nei lavori di costruzione delle pavimentazioni aeroportuali, le caratteristiche meccaniche degli strati di sottofondo devono essere garantite per il tempo di progetto: i geotessili nonessuti GEO, utilizzati come strato separatore filtrante, prevengono il mescolamento degli inerti di riporto con le particelle di terreno fini.

CARATTERISTICHE TECNICHE

  • APPLICAZIONE DEL GEOTESSILE: strato separatore filtrante
  • INSTALLAZIONE: nella costruzione della fondazione, tra terreno di base e strato di riporto
  • NORME DI RIFERIMENTO: EN 13249 (caratteristiche richieste per l’impiego nella costruzioni di strade ed aree soggette a traffico)
  • CARATTERISTICHE RILEVANTI: resistenza a trazione, a punzonamento statico e dinamico, permeabilità normale al piano, apertura caratteristica dei pori, durabilità
  • PRODOTTI CONSIGLIATI: da scegliersi in considerazione della qualità del terreno di base, della granulometria e forma degli inerti degli strati di riporto, dalla loro stesa e compattazione. Ad esempio, al crescere del livello di sollecitazione del geotessile: GEO PP HP 300 – 350 – 400 g/m2

 

MISURE: Fornibile in rotoli di altezza massima 650 cm
PESI: da 300 a 400 gr/mq

  • Marcatura CE,
  • Asqual Francia,
  • NorGeoSpec Scandinavia
  • RVS Austria, IVG Germania

 

Nel laboratorio interno si possono testare le caratteristiche meccaniche ed idrauliche del prodotto finito e controllare la qualità della fibra.

FUNZIONI

SEPARAZIONE

FILTRAZIONE

POSA IN OPERA E CONSIGLI

Come tutti i materiali da costruzione, il geotessile non tessuto deve essere maneggiato e stoccato in maniera appropriata al fine di non alterare i requisiti essenziali richiesti dai vari progetti.
Qui di seguito trovate alcuni consigli e suggerimenti per le fasi della posa in opera, movimentazione e stoccaggio.

PREPARAZIONE
Prima della posa in opera di GEO è necessario spianare e ripulire il terreno da oggetti che possono danneggiare il telo. Durante la posa il geotessile è soggetto a stress meccanici più o meno elevati, a seconda delle caratteristiche del terreno di posa, del materiale di ricoprimento e del modo in cui quest’ultimo è steso e compattato. Le caratteristiche meccaniche del geotessile devono quindi essere sempre scelte in accordo alle specifiche condizioni di installazione.

SOVRAPPOSIZIONE
La larghezza delle sovrapposizioni è collegata alle diverse situazioni:

Almeno 30 cm per i terreni di posa abbastanza consistenti;
Almeno 50 cm per i terreni molto deformabili;
Almeno 50 cm per la protezione delle impermeabilizzazioni;
Almeno 1 m nel caso di installazioni subacquee.

 

PROTEZIONE DAI RAGGI UV
GEO viene fabbricato utilizzando fibre sintetiche; pertanto è soggetto a degradazione se esposto a lungo all'azione dei raggi ultravioletti. Su richiesta è possibile utilizzare delle fibre altamente stabilizzate ai raggi UV, che limitano al minimo i danni.

 

IL FREDDO NON E' UN PROBLEMA
Le basse temperature non alterano la qualità del geotessile.

 

ATTENZIONE ALLE ALTE TEMPERATURE
Le alte temperature possono alterare la composizione del geotessile. E' utile informare il fornitore sulla destinazione finale del materiale, in modo tale da avere la qualità adeguata.

Durante le operazioni di scarico è consigliabile utilizzare un muletto con pale lunghe o attrezzato con un "pinocchio", la cui lunghezza sia almeno pari a 2/3 del tubo di cartone o di plastica (in questo modo si evita la possibilità di danneggiare il tubo).
Quando non è possibile avere a disposizione i mezzi sopracitati (ad esempio nei cantieri), si possono utilizzare corde, catene e macchine movimento terra per scaricare i rotoli.

 

I geotessili GEO sono forniti in rotoli avvolti su tubo in cartone o materiale plastico e protetti da foglio esterno in PE. In queste condizioni possono essere stoccati per lungo tempo anche all’aperto, senza alterazione delle loro caratteristiche originarie.
La situazione ideale è stoccare il materiale al coperto.

Quando ciò non è possibile (ad esempio nei cantieri), per proteggere adeguatamente i rotoli da contaminazioni, raggi ultravioletti, umidità, etc, si consiglia di:

  • Se i rotoli restano inutilizzati per lungo tempo, stoccarli in posizione rialzata rispetto al terreno;
  • Coprire i rotoli con nylon opaco e resistente;
  • Chiedere al fornitore di geotessile un adeguato imballo protettivo.

RICHIEDI INFORMAZIONI

TORNA SU
NONWOVEN GEOTEXTILES
NONWOVEN GEOTEXTILES

Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. ULTERIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi